L’HURLO ALLA CORTE DI RE ARTU’ vino estremo e unico

 

migliori vini italiani -  vino estremo e unico

HURLO di Garbole: vino estremo e unico

Un nuovo cavaliere alla tavola rotonda di re Artu’ –  l’Hurlo di Garbole  –  vino estremo e unico.

 

Una nuova scoperta, un nuovo  incontro, una ulteriore reazione, un nuovo  … Garbole Lover, Alberto Schieppati.

 

Ettore e Filippo Finetto, fratelli contadini di Garbole, sono due persone speciali. Innanzitutto perché dimostrano concretamente che la “contadinanza” è (come diceva anche Gino Veronelli) la più alta espressione di cultura. In secondo luogo perché dalla loro cantina di Tregnago, in Valle di Illasi (Vr) – fra Soave e la Valpolicella – escono vini portentosi, che restano nella memoria di chi li degusta grazie alla loro potenza-struttura-unicità. “Dall’idea iniziale del 1994 ci accompagna una continua tensione, volta a superare noi stessi al fine di ottenere vini rossi pregiati”, dicono. La loro coraggiosa inquietudine è dentro a un percorso di continuo miglioramento (“di noi stessi e quindi dei vini che produciamo”, dicono con orgoglio). Outsider e autodidatti (“A Vinitaly non abbiamo lo stand”), i fratelli Finetto sono stati affascinati dal mondo del vino e hanno deciso di dedicarvi anima e corpo, mente e cuore, “abbandonando le vite precedenti e credendo fermamente nella bellezza dei nostri sogni”, dice Ettore.   Continua a leggere l’articolo

 

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

  1 comment for “L’HURLO ALLA CORTE DI RE ARTU’ vino estremo e unico

  1. franco marchiori
    settembre 28, 2015 at 9:59 am

    AUDERE SEMPER

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *